Storditore elettrico e tre etti di hashish: 16enne arrestato

Il giovane moldavo in manette aveva una serie di precedenti penali alle spalle. Ora si trova al Beccaria di Milano.

Più informazioni su

(red.) E’ stato rintracciato nella mattinata di ieri da personale del Commissariato Carmine in collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Brescia, e sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere un ragazzo di 16 anni che, nel pomeriggio dello scorso 23 novembre, nei pressi della stazione, durante un controllo è fuggito, lasciando però sul posto un borsello contenente 3 etti di sostanza stupefacente di tipo hashish ed uno storditore elettrico, strumento di autodifesa che, tuttavia, può certamente essere impiegato anche per raggiungere obiettivi criminali.

Si è conclusa dunque nel peggiore dei modi la vicenda di un giovane cittadino moldavo fermato ieri da personale della Polizia di Stato su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che ha disposto l’esecuzione della misura della custodia cautelare in carcere, a seguito dell’ennesimo episodio legato alla spaccio di droga che lo ha visto protagonista, e che ha portato il P.m. della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Brescia, a richiedere per lui la più grave forma di misura cautelare, l’unica considerata idonea ad evitare che in futuro potrà commettere nuovi reati. Il minore è stato quindi accompagnato presso la struttura minorile “Cesare Beccaria” di Milano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.