Senza patente, assicurazione e con targa alterata: nei guai 61enne bresciano

Fermato sulla A35 da una pattuglia della Stradale di Chiari perchè guidava col telefonino. Si è scoperto che viaggiava fuori da ogni regola.

(red.) Targa alterata col nastro adesivo, assicurazione mancante, patente revocata. Queste sono solo l’inizio di un lungo elenco di violazioni addebitate a un 61 enne bresciano fermato in settimana da una pattuglia della Polizia Stradale distaccamento di Chari sull’autostrada A35 nel comune di Rovato a bordo di un autocarro Fiat Doblò.
Gli agenti hanno proceduto al controllo perché il conducente mentre si trovava alla guida del mezzo stava facendo uso del telefono cellulare , non immaginando cosa sarebbe saltato fuori approfondendo gli accertamenti.

I poliziotti infatti hanno appurato che la targa posteriore presentava un’alterazione sulla prima lettera; il carattere risultava modificato attraverso l’applicazione di nastro adesivo, che lo trasformava da “L” a “E”- Infatti inserendo al controllo della banca dati la targa, il veicolo risultava essere una Ford Fiesta. L’uomo è stato denunciato per la falsificazione e nei suoi confronti sono scattate anche le previste sanzioni amministrative. Le targhe sono state immediatamente sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre il veicolo è stato sottoposto a fermo.

Non solo, il 61enne è stato anche denunciato per guida senza patente, infatti risultava recidivo in quanto già quattro volte denunciato in passato sempre per guida senza patente e per avere la patente revocata.
Dal controllo dei documenti del veicolo si evinceva inoltre che il mezzo era privo di copertura assicurativa ed essendo il veicolo già stato posto precedentemente a sequestro e fermo amministrativo il mese scorso, l’autocarro veniva affidato alla depositeria e essendo il conducente/custode recidivo ne perdeva la proprietà.
Le violazioni amministrative comminate sono state di 3.725 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.