Versa liquami su terreno comunale: un denunciato a Cellatica

Complessa indagine della polizia locale per identificare l'autore di grave gesto. Le telecamere hanno permesso di individuare un'azienda.

Più informazioni su

(red.) Abbandono di rifiuti, attività non autorizzata di gestione dei rifiuti, danneggiamento nel territorio di Cellatica. Queste le ipotesi di reato a carico del rappresentante legale di un’azienda attiva nel municipio di Cellatica, stando a una denuncia presentata dalla Polizia locale del comune dell’hinterland alla Procura della repubblica di Brescia.
Alla base di tutto è lo scarico di liquidi inquinanti avvenuto in un appezzamento di terreno di proprietà del municipio nei pressi del campo sportivo e una delle ipotesi che i vigili dovranno verificare è se l’inquinamento sia stato deciso come atto di ritorsione nei confronti dell’amministrazione comunale.
Le analisi dell’Arpa hanno confermato che il liquame maleodorante sversato nel terreno di proprietà pubblica conteneva idrocarburi ed era quindi pericoloso per l’ambiente.
Come ha raccontato il comandante della polizia municipale Marco Matteo Mensi al cronista del Giornale di Brescia, «tutto è avvenuto nei pressi del centro sportivo, in via Breda vecchia, nell’area comunale verde chiusa da una sbarra, in una notte dei mesi scorsi. C’è voluto parecchio tempo per ricostruire il fatto e le telecamere ci hanno consentito di lavorare su più sequenze, messe anche in relazione con le immagini digitali raccolte da altre telecamere aziendali private che sono puntate sulla zona. Così abbiamo avuto un quadro ancora più completo della situazione».
Stando alla spiegazione del comandante, una scena mostra una persona arrivare di notte con un flessibile. Tagliato il lucchetto, se ne va per tornare più tardi con un’autobotte il cui contenuto viene versato sul prato.
I video hanno permesso di ricostruire il gesto illegale e di risalire anche alla targa del veicolo, identificando l’azienda il cui titolare è stato denunciato.
Conclude Mensi: «Il comune ha provveduto alla copertura, mediante teli, dei rifiuti, in attesa della bonifica».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.