Valcamonica, alpinista 26enne muore sui Corni di Premassone

Stava scalando una delle cime dell'Adamello quando gli è sfuggito l'appiglio. Saverio Gilardi è precipitato in un canalone perdendo la vita.

(red.) La roccia alla quale era aggrappato mentre scalava con alcuni compagni una delle cime dell’Adamello, i Corni di Premassone, ha franato e l’alpinista è prepecipitato per circa 200 metri in un canalone. Così sabato mattina ha perso la vita in alta Valle Camonica un 26enne bergamasco con la passione per la montagna.
La vittima è Saverio Ghilardi, residente a Romano di Lombardia. Secondo quanto hanno riferito i quattro compagni di scalata che erano con lui, la roccia ha  improvvisamente ceduto, facendolo precipitare nel canalone.
Il giovane è quasi certamente morto sul colpo e gli amici sono riusciti ad allertare il 112 che ha inviato, da Bergamo, l’eliambulanza, mentre le squadre da terra del Soccorso alpino e della Guardia di finanza di Edolo erano pronte a partire in caso di bisogno.
Il medico, calato sulla montagna con il verricello del mezzo di soccorso, ha potuto soltanto constatare il decesso di Saverio, il cui corpo è stato recuperato e restituito al cordoglio dei genitori e dei due fratelli. Il giovane lavorava all’aeroporto di Orio al Serio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.