Brescia, rimproverato per una carta sferra un pugno al rivale

E' successo domenica pomeriggio al Freccia Rossa. Un 35enne colpito da un 32enne per una carta gettata a terra.

(red.) Quella vista di un uomo a terra e ferito al volto aveva indotto una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Brescia a fermarsi nei pressi del centro commerciale Freccia Rossa, in città. E i militari si sono sentiti dire da qualche testimone che un individuo lo aveva colpito con un pugno al volto. Il motivo? La vittima, secondo quanto scrive Bresciaoggi che dà notizia, avrebbe rimproverato il suo aggressore per aver gettato una carta per terra.

E di conseguenza il violento, forse anche ubriaco, si è messo un bracciale a una mano con la quale ha colpito l’altro giovane. La vittima ha riportato una ferita al labbro e otto giorni di prognosi. Si tratta di un 35enne rumeno che domenica pomeriggio 16 febbraio aveva rimproverato un 32enne indiano proprio per quel gesto incivile.

I testimoni hanno poi rivelato ai militari che l’aggressore si era nascosto all’interno del centro commerciale e proprio qui, tra i bagni, lo hanno sorpreso e arrestato. Era alle prese con il ripulirsi di sangue della vittima e per lui sono scattate le manette. Nella mattina di ieri, lunedì 17, si  è presentato in tribunale per il processo per direttissima durante il quale e dopo che i carabinieri lo avevano fermato per lesioni personali aggravate. L’aggressore è stato rimesso in libertà, ma con l’obbligo di firma e potrebbe anche essere espulso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.