Brescia, non può stare in città dopo arresto. Finisce in carcere

Un pakistano 39enne era finito in manette la scorsa settimana. Si faceva di nuovo vedere in via Milano.

(red.) Lo hanno trovato all’ex Ideal Standard di Brescia nonostante fosse stato sottoposto pochi giorni prima al divieto di dimora in città. Così un pachistano di 39 anni è finito di nuovo nei guai, ma stavolta non potrà tornare nel vecchio stabilimento abbandonato, bensì nel carcere di Canton Mombello.

La settimana precedente a mercoledì 12 febbraio era stato arrestato proprio tra quei capannoni dove l’uomo si era stabilito con tanto di abitazione ricavata in uno stabile. E durante i controlli della Polizia Locale – lo stabilimento è oggetto di un cantiere – il 39enne era stato beccato con 22,5 grammi di eroina, 120 euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio e anche un bilancino di precisione.

Il pusher era stato arrestato e si era visto imporre il divieto di farsi vedere in città. Ma il pachistano continuava a girovagare in via Milano e ancora all’ex Ideal Standard. Ieri pomeriggio, martedì, è stato localizzato proprio qui e condotto dietro le sbarre notificandogli la misura aggravata da parte del giudice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.