Brescia, 17enne aggredito da baby gang in piazza Tebaldo

Ieri il giovane di Prevalle ha denunciato l'episodio che lo ha coinvolto sabato sera. Colpito e rapinato da minori.

(red.) Piazza Tebaldo Brusato a Brescia, nel cuore del centro storico e proprio dove si trova la sede del comando provinciale dei carabinieri, è stato teatro di un nuovo episodio di aggressione tra ragazzi. Si tratta dell’ennesimo visto che è il terzo avvenuto tra la piazza e la vicina Arnaldo dall’inizio del 2020. I fatti, di cui dà notizia il Giornale di Brescia, sono avvenuti sabato sera 8 febbraio nel momento in cui all’angolo con vicolo San Siro c’era un trio di ragazzi che si stava godendo la serata.

A un certo punto uno di loro si è visto colpire alla schiena con un pugno da un altro ragazzo che, con altri complici, gli ha intimato di farsi dare il cellulare e il denaro. Richiesta che la vittima ha subito assecondato, dando anche 5 euro, gli unici che aveva nel portafogli. Ma subito dopo è stato anche aggredito e minacciato, prima che il gruppo di violenti – pare una decina – si dileguasse facendo perdere le tracce. La giovane vittima, sostenuta dagli amici, non ha potuto fare altro che chiamare il 112 e la famiglia.

A subire i colpi da parte della baby gang è stato un 17enne di Prevalle che ieri mattina, lunedì 10 febbraio, si è presentato in caserma proprio in piazza Tebaldo Brusato per denunciare il fatto per rapina e lesioni. Ora sono i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia con quelli della stazione a indagare sull’episodio.

Quella sera stessa, al momento dell’intervento, della banda formata probabilmente da minorenni non c’era più traccia. E ora si analizzeranno anche le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza presenti sul posto per risalire agli aggressori. E il dato ancora più sconcertante riguarda il fatto che anche questo episodio si sia consumato a due passi dalla sede delle forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.