Bedizzole, banditi in villa: legato e ferito 28enne

E' successo sabato 25 gennaio in una abitazione di via De Gasperi.

Più informazioni su

(red.) Gravissimo episodio di violenza nel tardo pomeriggio di sabato 25 gennaio a Bedizzole, in un’abitazione di via De Gasperi. Un ragazzo di 28 anni stava camminando nella propria abitazione quando, all’improvviso, si è trovato davanti tre banditi con il volto coperto, armati di coltelli e di arnesi per lo scasso, entrati nella casa di soppiatto forzando una finestra.

I malviventi, con un marcato accento dell’est Europa, gli hanno puntato un coltello alla gola e lo hanno obbligato a sdraiarsi al suolo. Mentre rovistavano tra armadi e cassetti, il giovane ha tentato di fuggire per chiedere aiuto, ma è stato placcato e colpito al collo con un cacciavite, che gli ha procurato una ferita alla nuca. A quel punto è stato legato dai tre ceffi, che hanno continuato a rovistare nella casa.

Il 28enne, preoccupatissimo per l’imminente arrivo del resto della famiglia, ha approfittato di un momento di distrazione dei banditi (cercavano la cassaforte che non c’era), ed è riuscito a sgattaiolare all’esterno dell’abitazione da una porta di servizio, riuscendo a chiedere aiuto a un vicino. I banditi sono quindi fuggiti, portandosi a casa un bottino superiore ai 4 mila euro. La giovane vittima, che ha dimostrato un coraggio assai raro, è stata medicata all’ospedale di Desenzano del Garda, dove ha denunciato il fatto ai carabinieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.