Quantcast

Via Dalmazia, tre minori ubriache soccorse dalle ambulanze

Martedì notte tre 17enni sono state aiutate dai mezzi di soccorso e portate in ospedale. La Polizia indaga su chi ha servito loro l'alcol.

(red.) A quell’età, in quel determinato orario di notte, normalmente si sarebbero dovute trovare nelle loro camere da letto per dormire verso la giornata successiva tra i banchi di scuola. Ma al contrario, tre ragazze di 17 anni avevano trascorso la notte tra martedì 19 e ieri, mercoledì 20 novembre, ad alzare il gomito. Tutto è successo in via Dalmazia, a Brescia, dove pochi minuti dopo l’una si sono dovute muovere l’automedica e tre ambulanze di Brescia Soccorso, Croce Bianca e Croce Rossa per soccorrerle.

E la scena si è presentata anche davanti ai loro genitori che cercavano di capire i motivi di quella sbornia, tra l’altro in un momento in cui è più difficile visto che generalmente, ma non è una giustificazione, questi episodi avvengono nel fine settimana.

Le tre ragazze sono state poi trasportate in codice giallo alla Poliambulanza, clinica Sant’Anna e al Città di Brescia dove smaltire l’ubriacatura. Sul posto si è mossa anche una Volante della questura che ora cercherà di capire da dove le tre potrebbero aver preso gli alcolici, visto che ai minori è vietata la vendita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Max

    Spero con tutto il cuore e con tutta l’anima, che in quel momento specifico ove le tre ambulanze e un auto medica sono state chiamate, nel frattempo non ci sia stata una richiesta di aiuto VERA di persona GRAVEMENTE COMPROMESSA , che abbia subito un RITARDO nell’intervento dei sanitari, causa la mancanza momentanea di mezzo di soccorso occupato a intervenire per risolvere i capricci di bambine viziate e problematiche.
    Ricordo che il ritardo nei soccorsi e’ una delle prime cause di morte in caso di incidenti o attacchi di cuore.
    Triste che dei “genitori” non riescano a capire del perche’ i loro bambinetti e bambinette si spappolano di alcol e chimica varia.