Nuvolento, 70enne in bici muore falciato da un‘auto

Silvano Bologna, ex falegname in pensione, stava pedalando con il nipote di 10 anni quando è stato colpito da vettura alle spalle. Fatale un trauma cranico.

Più informazioni su

(red.) E’ morto pedalando sulla sua bicicletta e sulla quale era abituato spesso a muoversi. L’incidente è accaduto ieri pomeriggio, mercoledì 13 novembre, intorno alle 15,40 sulla nuova provinciale 41 tra Nuvolento e Serle, in Valsabbia, nel bresciano. L’uomo, il 70enne Silvano Bologna, residente con la moglie a Paitone, stava facendo una passeggiata in bicicletta con il proprio nipote di 10 anni e stavano risalendo la strada verso Paitone. E come misura di sicurezza e protezione il nonno si era posto alle spalle del nipote.

E’ stata una mossa tragicamente decisiva perché proprio in quei momenti è sopraggiunta una Fiat Panda condotta da una donna di Serle e che ha travolto in pieno l’anziano. Mentre il nipote è riuscito a scansarsi. L’impatto ha portato il 70enne a finire contro il parabrezza della vettura infrangendolo, per poi volare in una scarpata aldilà del guardrail presente sul ciglio della carreggiata. E per lui il trauma cranico riportato nello scontro è stato fatale. In suo soccorso era subito arrivata un’infermiera che si trovava nelle vicinanze e ha tentato di rianimarlo, per poi chiedere l’intervento al 112 facendo arrivare l’automedica, un’ambulanza da Nuvolento e anche la Polizia stradale di Salò per ricostruire la dinamica.

Nel frattempo il bambino è stato accompagnato a casa dai genitori. Silvano Bologna era stato un falegname molto noto nella zona e abitava con la moglie Elide Massardi in via Traversa Gere a Paitone. Con tre figli, si stava godendo la pensione. La salma si trova all’obitorio dell’ospedale Civile di Brescia ed è a disposizione della magistratura per eventuali accertamenti medico legali. In seguito sarà restituita alla famiglia per il funerale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.