Castel Mella, pensionato pusher finisce in manette

Un 65enne è stato sorpreso a dare una bustina di cocaina a un 21enne. In auto aveva un manganello e in casa una pistola illegale. E' stato quindi arrestato.

Più informazioni su

(red.) La sua pensione non gli bastava e così un 65enne aveva pensato di arrotondare spacciando sostanze stupefacenti. Ma gli è costata cara, visto che è stato sorpreso e arrestato dai carabinieri. E’ successo martedì 12 novembre a Castel Mella, nella bassa bresciana, dove l’uomo è stato sorpreso dai militari della stazione di Roncadelle mentre dava una bustina di cocaina a un 21enne. A quel punto per il pensionato è scattata la perquisizione trovandogli addosso altri tre involucri di cellophane con 5 grammi di polvere bianca. Il controllo esteso alla sua auto ha permesso di trovare anche un manganello e infine si è arrivati al suo appartamento.

Qui c’erano altri 40 grammi di cocaina e 1.700 euro in contanti, un bilancino di precisione e una pistola revolver calibro 38 special con la matricola abrasa. Il pensionato è finito in manette e portato in caserma per spaccio di sostanza stupefacente, detenzione di arma clandestina e porto di oggetti atti ad offendere. Ha trascorso la notte nella cella di sicurezza e ieri, mercoledì, è stato accompagnato in tribunale per il processo per direttissima in cui l’uomo si è visto convalidare l’arresto, ma poi rimesso in libertà.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.