Quantcast

Via dal park PalaLeonessa, cassa coi tifosi

Alcuni nomadi sgomberati si erano finti parcheggiatori invitando i supporters a sostare nell'area che avevano appena occupato. Ma sono stati fermati in tempo.

Più informazioni su

(red.) Dalla buona fede di voler cercare in modo definitivo una sistemazione d’intesa con le autorità e gli enti competenti, fino alla voglia di fare i furbi e passare dalla parte del torto. E’ quanto emerso dalle roulotte e camper delle famiglie nomadi di sinti italiani di via Ghislandi a Roncadelle che domenica mattina 13 ottobre erano stati sgomberati dalla Polizia Locale. Infatti, quella sera si sarebbe svolta la partita di basket della Germani Brescia e le famiglie avevano occupato un parcheggio vicino al PalaLeonessa.

E dopo essere stati allontanati da quel posto, hanno preso possesso di un’area vicina e di proprietà di Brescia Infrastrutture, usata l’anno scorso come parcheggio. E la novità emersa dalla municipale è che domenica sera alcuni componenti dei nomadi hanno indossato dei giubbotti catarifrangenti fingendosi parcheggiatori e che invitavano i tifosi a sostare in quello spazio, chiedendo loro il denaro della sosta. Una situazione che è stata poi risolta dagli agenti nel momento in cui hanno bloccato il transito verso quell’area occupata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.