Incidente in moto, sindaco Pisogne non più in coma

Federico Laini, 26 anni, sabato pomeriggio si era scontrato con un'auto a Costa Volpino in via Nazionale. In coma indotto dai farmaci, si è risvegliato.

(red.) Non è più in coma indotto e ora si trova fuori pericolo il sindaco bresciano di Pisogne, il 26enne Federico Laini, che sabato pomeriggio 5 ottobre era rimasto coinvolto in un drammatico incidente stradale tra Costa Volpino e Gratacasolo, in Valcamonica. Il primo cittadino, in sella alla sua moto Suzuki, stava percorrendo via Nazionale quando era stato travolto da un’auto condotta da un 22enne di Costa Volpino e proveniente da una via laterale. Il sindaco era stato sbalzato sull’asfalto riportando numerosi traumi al volto.

Quindi, era stato subito condotto in elicottero in terapia intensiva alla Poliambulanza di Brescia dove gli era stata riservata la prognosi, ancora tale, sottoponendolo a una cura a base di farmaci andata avanti per tutta la notte di sabato. Ieri, domenica, il primo cittadino si è risvegliato e ha potuto parlare con i propri familiari ed è in attesa di essere condotto al reparto maxillo facciale dell’ospedale Civile per essere sottoposto a un intervento chirurgico al volto con cui farsi ridurre i traumi e le fratture. E dall’ospedale, nonostante le condizioni, ha anche voluto impartire degli incarichi agli altri amministratori per la gestione del Comune.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.