Morto investito in BreBeMi, chi era la vittima

Francesco Conti, di Bergamo, ha accostato ieri mattina con la sua Fiat Punto in una piazzola di sosta prima di attraversare la strada. Forse un gesto estremo.

Più informazioni su

(red.) Si chiamava Francesco Conti, 46enne residente con la famiglia a Fornovo San Giovanni, in provincia di Bergamo, la vittima dell’investimento di ieri mattina, lunedì 16 settembre, sull’autostrada A35 BreBeMi tra Urago d’Oglio e Chiari, nel bresciano. Secondo la ricostruzione effettuata dagli agenti della Polizia stradale di Chiari, l’uomo alla guida di una Fiat Punto, intorno alle 7,45 mentre si muoveva verso Brescia ha accostato in una piazzola di sosta. Subito dopo ha percorso la corsia di emergenza e la prima senza problemi, ma continuando ad attraversare la carreggiata è stato prima sfiorato da un mezzo e poi colpito in pieno da un camionista pugliese che stava trasportando cosmetici al polo logistico di Bergamo.

Non è chiaro cosa abbia spinto l’uomo a quell’azione scellerata, forse la volontà di compiere un gesto estremo. Su questo fronte si analizzeranno anche le immagini riprese dalle telecamere. Altri elementi utili potrebbero arrivare dalla sua auto che è stata recuperata e sequestrata e pare non avesse avuto problemi meccanici. A piangere la vittima ora sono la moglie e i due figli, mentre l’automedica e l’ambulanza giunte sul posto non avevano potuto fare nulla per l’uomo morto sul colpo.

La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco e ricomposta nella sala del commiato a Chiari dove il magistrato di turno potrebbe decidere per l’autopsia. Come da prassi, anche il camion che ha investito l’uomo è stato sottoposto a tutti i controlli dagli esiti regolari, compreso il conducente che è risultato negativo ai test dell’alcol e droga. Si ricostruirà anche il passato e il presente della vittima per avere più dettagli su cosa sia successo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.