Brescia, in manette e ai domiciliari un ladro seriale

Un 20enne ghanese di nuovo arrestato venerdì sera in città. Ad agosto e ai primi di settembre aveva scippato donne finendo sempre a scontare la pena in casa.

Più informazioni su

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 9 settembre gli agenti della sezione Antirapina della Squadra Mobile della questura di Brescia sono stati impegnati in un arresto nei confronti di un 20enne ghanese che, nonostante fosse stato sottoposto ai domiciliari, mieteva nuove vittime tra le donne sole e in mezzo alla strada. E venerdì 6 per il giovane sono scattate di nuovo le manette proprio per scippo e rapina, ma di nuovo posto alla detenzione casalinga nel quartiere tra Brescia Due e Lamarmora, dove era solito colpire. Il suo obiettivo era colpire le donne indifese strappando loro catenine d’oro o anche i cellulari. Ma per il ghanese venerdì sera è finita male dopo che quella stessa mattina era di nuovo entrato in azione due volte.

E sabato 7 il tribunale di Brescia gli ha convalidato l’arresto. Di fronte al fatto che il giovane agiva spesso da malvivente, è stata chiesta una misura più grave come il carcere, ma il giudice si pronuncerà nei prossimi giorni. E come detto non è la prima volta che il 20enne agisce in quel modo, dopo aver messo a segno una serie di colpi anche ad agosto. Perfino l’amministratore di un condominio in via Corfù, in quella zona, aveva invitato i residenti, soprattutto le donne, a stare attente. Infatti, qualche giorno prima di quella lettera del 4 settembre scorso, una ragazza di 25 anni si era quasi vista portare via il cellulare e si era fatta strappare la maglietta per evitare il colpo.

La donna aveva poi presentato una denuncia alla Polizia di Stato e quando venerdì mattina gli agenti hanno ricevuto notizia di episodi simili si sono messi al lavoro. Le vittime di quel venerdì erano state una donna di 74 anni alla quale è stata strappata la collana e una 30enne, anche lei privata della catenina. In serata era stato poi trovato il ghanese – che doveva appunto essere ai domiciliari – ed è finito in manette per evasione, ma anche per rapina.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.