Movieland, feriti migliorano. Indagine avanti

Uno dei due fratelli di Calcinato è stato dimesso, l'altro resta ancora in osservazione. Un perito controllerà il trenino che è precipitato domenica scorsa.

Più informazioni su

(red.) Non si è ancora assopita la paura dopo il rischio della tragedia per quanto successo domenica 25 agosto al parco divertimenti Movieland di Lazise, nel veronese. Il bilancio aveva visto tre persone, di cui anche due bambini bresciani di Calcinato, finire in ospedale. Uno di loro è stato dimesso, mentre l’altro dovrà ancora restare per qualche giorno in osservazione. Intanto stanno proseguendo le indagini sull’accaduto da parte dei carabinieri veronesi di Peschiera e Lazise che hanno informato la procura dopo l’apertura dell’inchiesta e ora in attesa delle decisioni da prendere, anche in base al report dei vigili del fuoco.

Il gioco “Back to the backstage”, cioè il trenino che era precipitato, resta sotto sequestro e sarà analizzato da un perito incaricato per capire cosa abbia indotto al cedimento. L’accusa al momento è quella di disastro colposo e con cui sarebbe indagato il titolare del parco divertimenti all’interno del Canevaworld. Intanto, proprio dalla struttura fanno sapere che il parco ha riaperto ieri, lunedì 26 agosto, senza problemi e continuerà a restare aperto visto che “tutte le attrazioni sono sicure”. Fanno anche sapere che non era mai capitato nulla del genere in passato e che attendono sviluppi a livello di indagini. Forse qualcuno sull’attrazione si era sporto lungo i vagoni destabilizzando l’attrazione ludica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.