Valcamonica, conta danni e lavori in corso dopo pioggia

Tra Ono San Pietro e Cerveno si stanno pianificando gli interventi da adottare. Disagi anche sul Garda, a Salò, dove saranno tagliati 27 cipressi a rischio.

(red.) In Valcamonica, tra Ono San Pietro e Cerveno, si stanno contando i danni dopo il forte maltempo di martedì sera 6 agosto. I disagi maggiori erano arrivati dal torrente Blé in cui erano finiti detriti e fango per migliaia di metri cubi di materiale che hanno poi raggiunto il fiume Oglio più a valle. Un problema che ha interrotto le due piste ciclabili e anche distrutto il ponte sulla strada di collegamento tra i due paesi. Tanto da formare una sorta di lago e che ha interrotto il collettore fognario. Disagi anche al trasporto del gas verso l’alta valle a causa dei tubi danneggiati, mentre si sta procedendo con i lavori sull’Oglio per rimuovere il materiale franato.

In municipio a Ono San Pietro è stata istituita l’unità di crisi locale in cui sono stati definiti gli interventi più importanti da mettere in campo. Sono anche state emesse due ordinanze per evitare che qualcuno si avvicini alla zona a rischio, mentre a Ceto c’è la possibilità che alcune case debbano essere sgomberate per un’allerta dal torrente Blé e la continua erosione. Dalla Regione Lombardia dicono che i detriti trasportati nell’alveo dell’Oglio sono stati circa 100 mila metri cubi. Il Pirellone aveva già definito 200 mila euro nel 2018 per lavori di manutenzione e ora la stessa Regione ha autorizzato Ono San Pietro, Cerveno e Lozio a utilizzarli per l’urgenza. Oltre ad altri 90 mila stanziati per un pronto intervento attivato dall’Ufficio Territoriale Regionale di Brescia per ripristinare con urgenza il deflusso dell’Oglio. Da tutt’altra parte della provincia, il maltempo ha sferzato anche il lago di Garda e a Salò ora si è deciso per tagliare 27 cipressi pericolanti che facevano parte dei campi del centro tennis e nella zona della piscina.

Infine, una segnalazione tanto curiosa quanto drammatica: un imprenditore che si è prestato per effettuare lavori edili sul tetto di una palazzina in via Passo di Resia al Villaggio Prealpino a Brescia, ieri, mercoledì, si è visto devastare la propria impresa a Rudiano per effetto del maltempo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.