Quantcast

Brescia, mazza da baseball contro quattro ciclisti

Domenica un pensionato ha risposto così a un gesto di scherno da uno degli atleti che aveva incrociato in viale Venezia. Poi denunciato dai carabinieri.

(red.) Nella giornata di domenica 4 agosto i carabinieri della compagnia di Brescia con il personale del Nas e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, nell’ambito di un servizio coordinato di controllo del territorio, hanno svolto numerosi controlli sulla circolazione stradale e agli esercizi commerciali nella zona e alla stazione ferroviaria. Durante il servizio sono state impiegate una decina di vetture e circa venti militari che fin dal primo pomeriggio hanno effettuato numerosi controlli, anche in alcuni locali pubblici. Sono state 36 le vetture controllate e 57 le persone identificate, portando a sanzioni per violazioni al Codice della Strada.

Durante le operazioni è stato anche denunciato a piede libero un giovane italiano trovato con 26 grammi di marijuana. Un ragazzo senegalese è stato invece segnalato alla prefettura di Brescia come assuntore stupefacenti perché trovato in possesso di 0,5 grammi di hashish. Ma c’è di più. Infatti, i militari hanno denunciato anche un pensionato 60enne italiano per porto abusivo di arma impropria. Tutto era partito da una lite in strada tra l’automobilista con precedenti e quattro ciclisti. In viale Venezia, nel cuore di Brescia, uno degli sportivi sarebbe stato stretto dal veicolo al quale avrebbe applaudito in modo ironico prima di ripartire al semaforo verde.

Ma subito dopo il ciclista aveva bucato una gomma e in viale Cadorna si era fermato per ripararla. In quegli stessi attimi sul posto è sopraggiunto proprio il pensionato che avrebbe chiesto di quel gesto di scherno. E subito dopo l’uomo ha preso una mazza da baseball brandendola contro i quattro ciclisti. Proprio in quel momento stava transitando sul posto anche una pattuglia dei carabinieri che ha bloccato il pensionato e denunciato. Il fatto che l’arma venisse usata per futili motivi ha spinto i militari anche a sequestrarla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.