Truffa anziana cugina per 800 mila euro

Un avvocato 69enne ha ricevuto la visita della Finanza che gli ha sequestrato beni immobili e conti. Aveva approfittato anche di figlia disabile del cugino.

(red.) Nei giorni precedenti a sabato 3 agosto un avvocato di 69 anni residente sul lago di Garda è finito nei guai da parte della Guardia di Finanza che gli ha sequestrato conti e beni immobili in via preventiva per 800 mila euro. Secondo le Fiamme Gialle, infatti, il professionista avrebbe approfittato per vent’anni dell’anziana moglie di un cugino morto e anche della disabilità della figlia per poter gestire nel proprio interesse il loro patrimonio. I finanzieri sono arrivati all’avvocato dopo aver ricostruito i movimenti economici verso i suoi conti e le sue attività bloccandogli conti correnti e società.

Proprio quelle in cui l’anziana vittima era stata convinta a investire, insieme a una residenza sul Garda. Pare che la donna di oltre 90 anni, dopo la morte della figlia disabile, si fosse rivolta all’avvocato per avviare la pratica della successione. A quel punto il professionista si sarebbe fatto dare 300 mila euro promettendo un buon investimento con l’acquisto di quote di una società riconducibile a lui.

E poi si sarebbe fatto consegnare altri 500 mila euro che la signora aveva riportato dall’estero con lo scudo fiscale. Nel mezzo si parla anche di una polizza assicurativa che il cugino morto aveva aperto a favore della figlia disabile per il suo aiuto, ma che al contrario era stata usata dal legale come amministratore di sostegno della giovane. Il professionista è accusato di truffa, appropriazione indebita, autoriciclaggio e peculato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.