Droga, merce scaduta e addetti in nero in un locale

Ieri sera i carabinieri hanno controllato diverse zone di Brescia. Il titolare di un bar aveva persino della droga negli slip. Nei guai anche una pizzeria.

(red.) Ieri sera, giovedì 1 agosto, i carabinieri bresciani del comando provinciale sono stati impegnati in un piano straordinario di controlli nelle aree più sensibili della città per questo periodo estivo. Cinque pattuglie con il Nucleo Carabinieri Cinofili di Orio al Serio, quelli del Nas e del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno controllato parchi ed esercizi pubblici, luoghi di ritrovo, la zona di via Milano e della stazione ferroviaria e le fermate della metropolitana. In un bar tra quelli verificati, il titolare 33enne bresciano è stato beccato con 4 grammi di cocaina divisi in otto dosi e 4 grammi di marijuana negli slip.

L’odore è stato subito notato da un cane dei cinofili portando poi a perquisire l’uomo. Questo, infatti, aveva detto di non possedere sostanze stupefacenti. Gli sono stati sequestrati anche 4.600 euro in contanti ritenuti provento dell’attività illecita. Nel mirino anche tre suoi clienti del locale e che avevano piccole quantità di marijuana, quindi segnalati alla prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti. Ma non è tutto in quel bar. Il titolare, infatti, è stato anche denunciato perché il Nas ha emesso una sanzione di 2 mila euro per la presenza di prodotti scaduti.

Infine, gli ispettori hanno anche scoperto due lavoratori in nero e disponendo altre sanzioni e la chiusura del locale fino a quando non si metterà in regola. Gli stessi ispettori hanno verificato altre violazioni anche in una pizzeria dando sanzioni per 20 mila euro. Nel mirino anche trenta veicoli e circa cinquanta persone controllate tra la stazione, via Milano e le zone vicine portando ad altre sanzioni per aver violato il Codice della Strada, soprattutto usando il cellulare alla guida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.