Colpo ai Monopoli di Cortefranca, come hanno agito

Domenica notte 7 componenti di una banda hanno piazzato di traverso in via Carretti camion e ruspe rubati portando via tabacco, sigarette e gratta e vinci.

Più informazioni su

(red.) Scene da un film d’azione, come se avessero dovuto seguire un copione. Ma è tutto vero quanto accaduto nella notte tra domenica 30 giugno e ieri, lunedì 1 luglio, con il colpo al deposito dei Monopoli di Stato alla Distribuzione Franciacorta a Cortefranca, nel bresciano. Intorno alle 3, come riferisce qualche residente che ha avvertito i rumori, una banda formata da sette componenti e tutti con il volto coperto hanno messo in scena un vero e proprio piano d’azione militare studiato in ogni elemento. Lungo via Carretti, dove si trova il deposito, così come nelle vie laterali, hanno piazzato di traverso dei camion e delle ruspe risultati rubati per impedire alle forze dell’ordine di raggiungerli.

Poi hanno usato un altro mezzo pesante come ariete per abbattere il cancello e l’ingresso. Subito dopo hanno rubato decine di scatoloni contenenti tabacco, sigarette e gratta e vinci per un valore totale di circa 130 mila euro. Infine, si sono dati tutti alla fuga. Infatti, quando sul posto è arrivata la Vigilanza e poi i carabinieri di Adro non c’era più traccia di nessuno, se non dei mezzi pesanti rimasti sulle strade. L’azienda derubata si occupa dell’attività dal 2005 e nel 2009, dieci anni fa, aveva subito un colpo molto simile.

Una situazione sulla quale stanno indagando i carabinieri della compagnia di Chiari, mentre ieri anche i primi operai che dovevano iniziare il turno di lavoro al mattino presto hanno dovuto seguire strade alternative per raggiungere le fabbriche nei dintorni. Elemento decisivi potrebbero arrivare dalle telecamere di cui è dotato il deposito dei Monopoli, così come le altre attività produttive.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.