Sulzano in lutto, domani ultimo saluto per Pietro

Domani alle 10,30 il funerale del 21enne morto domenica notte all'ospedale Civile di Brescia dopo essere rimasto vittima di un incidente a Cortefranca.

Più informazioni su

(red.) La comunità bresciana di Sulzano e sotto shock e in profondo lutto per la morte, a soli 21 anni, di Pietro Crotti, deceduto all’ospedale Civile di Brescia nella notte tra domenica 23 e ieri, lunedì 24 giugno, dopo essere rimasto vittima di un drammatico incidente stradale a Cortefranca. In sella alla sua moto da enduro Husqvarna, sulla provinciale aveva avuto un tremendo frontale contro un’altra auto – a bordo due uomini di 43 e 47 anni – alle prese con una svolta, come avrebbero ricostruito gli agenti della Polizia stradale di Salò. Un urto talmente violento che la due ruote del giovane si era spezzata a metà e inducendo a trasportare il ferito in condizioni gravissime in ospedale.

Ma la speranza si è spenta nelle ore successive con il decesso. Appassionato di motociclismo, Pietro amava anche la cucina e la musica, a partire dalle canzoni di Fabrizio De André, oltre alle uscite con gli amici. Aveva appena concluso il liceo di Scienze applicate all’Itc “Antonietti” di Iseo e stava cercando un impiego, anche dopo aver lavorato nell’ambito del ponte di Christo e poi nella ristorazione. Il rapporto con le moto lo aveva però portato a finire coinvolto in un altro incidente a Marone alcuni anni prima ed era comunque riuscito a riprendersi.

Pietro ora lascia un grande vuoto tra la madre che opera alla Feltri Marone e il padre conosciuto nel volontariato e nella politica. Tra l’altro questi dovevano essere giorni di festa dopo il rientro in Italia della sorella maggiore di Pietro, Ilaria, che opera per le ong. Domani, mercoledì 26 giugno, alle 10,30 nella chiesa San Giorgio di Sulzano sarà celebrato il funerale del ragazzo la cui salma arriverà oggi nella casa dei nonni in via Cadorna. Anche il Comune si unisce al lutto, annullando gli eventi festivi e rimandando l’Albori Festival a giovedì 27 e domenica 30 giugno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.