Auto lusso rubate verso Africa. Ideatore a Brescia

Almeno cinque i componenti di una banda che hanno operato tra Roma e la Germania. E' residente nella nostra provincia l'artefice di questa organizzazione.

(red.) Nei giorni precedenti a sabato 27 aprile i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Tirano hanno smantellato una banda, formata da almeno cinque persone, che si occupava di rubare auto di lusso per poi rivenderle e mandarle via nave fino in Africa. L’indagine era scattata lo scorso dicembre 2018 quando i militari di Tirano avevano arrestato un 18enne del Gambia per riciclaggio di un’auto rubata. Infatti, era alla guida di una Toyota CHR risultata depredata a Roma e sulla quale erano state poste targhe e usati documenti di circolazione falsi per il mercato estero. Partendo da quel momento, i carabinieri hanno scoperto che la base era nella Capitale e tutti i componenti erano attivi nel furto di automobili di grossa cilindrata, collocazione sui veicoli di targhe clonate, carte di circolazione contraffatte e il trasferimento in Germania e poi in Africa, verso il Ghana e la Guinea.

A capo di tutto, secondo gli inquirenti, c’era un ghanese residente in provincia di Brescia e che aveva diverse auto di grossa cilindrata tutte risultate rubate nel territorio romano. La tecnica prevedeva di sbloccare i sistemi di sicurezza dei veicoli, poi il cambio di targhe e documenti e la consegna ai complici che le tenevano fino al momento della vendita. Subito dopo avveniva il pagamento tramite corrieri o mezzi online e poi espatriati in Africa.

Indagando su questa rete, nei giorni scorsi tra Roma e Brescia i carabinieri, d’intesa con la Guardia di Finanza di Tirano e il Gruppo Informatico della Polizia Giudiziaria di Sondrio hanno arrestato quattro persone. Le accuse per tutti sono di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio internazionale di autovetture di grossa cilindrata, falso, soppressione di targhe e documenti di circolazione. Si è anche riusciti a recuperare quattro di queste vetture.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.