Quantcast

Acquafredda, pesci morti e cattivo odore dalla Fossa

Ieri mattina segnalazione di un residente alle istituzioni e forze dell'ordine. Sul posto i carabinieri e la Polizia. Sono reflui finiti nel corso d'acqua.

(red.) Nella mattina di ieri, venerdì 26 aprile, un cittadino che percorreva a piedi la strada di Acquafredda, nella bassa bresciana, lungo la provinciale 343, ha avvertito un pessimo odore che proveniva dal vicino fossato. Si tratta della Fossa Magna e all’interno era subito evidente l’acqua sporca insieme alla moria di pesci. Il residente, di fronte a quello scempio ambientale, non ha potuto fare altro che allertare un vasto schieramento di istituzioni e forze dell’ordine. Quindi, sono giunti i carabinieri di Carpenedolo, le Guardie ecologiche volontarie, la Polizia Locale e il Comune.

Subito dopo aver raccolto la segnalazione, i militari con le guardie hanno ripercorso a ritroso il fluire della roggia e hanno circoscritto la zona entro la quale sarebbe avvenuto lo sversamento illecito. La sensazione è che si tratti di qualche refluo che ha raggiunto il corso d’acqua. Dall’amministrazione comunale fanno sapere che non si tratta del primo episodio di inquinamento per la Fossa Magna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.