Provaglio Iseo, piromani tra i boschi del Sebino

Ieri dal primo pomeriggio gli antincendio e vigili del fuoco impegnati verso Provezze per due focolai che hanno mandato in fumo cinque ettari: sono dolosi.

(red.) Dopo il vasto incendio che domenica 24 marzo aveva interessato i boschi intorno a Clusane d’Iseo, nel bresciano, il Sebino è tornato nel mirino dei piromani nei giorni successivi. E’ successo ieri pomeriggio, giovedì 28, quando tra Provaglio d’Iseo e la frazione di Provezze – zona Rossano e San Michele – si sono accesi due focolai che hanno colpito prati e boschi. L’impegno dalle 13,30 ha coinvolto i gruppi antincendio boschivo della Comunità montana del Sebino con volontari da Iseo, Sale Marasino, Marone, Provaglio e Sulzano e insieme ai vigili del fuoco di Palazzolo e con i carabinieri forestali di Iseo.

Questi sono chiamati a indagare per capire le cause dei due roghi, anche se non sembrano esserci dubbi sulla matrice dolosa avendo trovato i punti di innesco. Solo nel tardo pomeriggio, con lo spegnimento e la bonifica, si sono concluse le operazioni sul posto. Ma le fiamme hanno lasciato come conseguenza circa cinque ettari di area verde in fumo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.