Doppio incendio e ritardi sul treno Brescia-Edolo

Pomeriggio da dimenticare ieri per i passeggeri della linea da città verso la Valcamonica. Ritardi per mezzora, poi fino a un'ora. Tutta colpa di un guasto.

(red.) Nel pomeriggio di ieri, martedì 19 marzo, i passeggeri della linea ferroviaria Brescia-Edolo sono rimasti coinvolti in una serie di disagi a causa di un doppio principio d’incendio su un treno. Prima è accaduto sul convoglio 48 della compagnia lombarda Trenord che è partito da Brescia alle 13,07 e avrebbe dovuto raggiungere Edolo due ore dopo, alle 15,07. Invece, nei pressi di Malonno e quando mancava ancora poca distanza per arrivare a destinazione, il capotreno ha fermato il mezzo dopo aver notato del fumo che usciva dalla motrice. Quindi ha allertato il 112 per muovere sul posto i vigili del fuoco che in poco tempo hanno domato il principio d’incendio.

Subito dopo il treno è potuto ripartire ed è arrivato a Edolo con circa mezzora di ritardo. A bordo c’erano una decina di passeggeri che sono scesi e per fortuna non hanno riportato conseguenze. Nel momento della ripartenza verso la direzione opposta, quindi per Brescia, diventando il treno 71 dalla Valcamonica verso la città delle 15,54 e con arrivo previsto alle 17,54 l’incendio è ripartito. In quel momento a bordo non c’era nessuno e sul posto si sono di nuovo mossi i vigili del fuoco di Edolo e Darfo che hanno provveduto a spegnere il rogo.

Impossibilitato a ripartire, Trenord ha proposto delle alternative con altri treni e che hanno richiesto circa un’ora di ritardo. Non è stato ancora chiarito nei dettagli cosa abbia indotto alle fiamme, ma intanto ieri sera l’automotrice danneggiata è rimasta a Edolo da dove sarà recuperata per essere condotta al deposito di Iseo. La sensazione è che si sia trattato di un grosso guasto al motore, forse all’impianto di riscaldamento con un corto circuito, che ha indotto le fiamme raggiungendo la zona dietro i sedili di una carrozza. Gli operatori antincendio si sono poi occupati anche della bonifica risalendo all’origine delle fiamme.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.