Avvocato truffa cliente: gip Brescia lo fa arrestare

Ha convinto propria assistita a raggiungere accordo extragiudiziale con la controparte in una causa civile per eredità. Ma le ha sottratto 700 mila euro.

(red.) Guai per un avvocato di Napoli. Il giudice delle indagini preliminari del tribunale di Brescia ha infatti emesso un provvedimento di arresto ai domiciliari nei confronti del legale con l’accusa di truffa ai danni di una cliente. In più, ha anche stabilito il sequestro di beni per un valore di 700 mila euro. Cioé la somma, secondo quanto emerso, che l’avvocato avrebbe sottratto alla propria cliente dal 2012 al 2016 con una serie di escamotage.

E’ accaduto nel momento in cui una donna si è rivolta al legale per assisterla in un caso di giustizia civile per la compravendita di immobili ereditati. Nell’ambito di questo rapporto, l’avvocato sarebbe riuscito a convincere la cliente a raggiungere un accordo extragiudiziale, quindi senza la mediazione del giudice. Si sarebbe poi attivato con l’avvocato di controparte facendosi dare un acconto di 300 mila euro per la compravendita e in seguito altri 400 mila con tanto di firma falsa di un giudice di Venezia su due ordinanze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.