Quantcast

San Paolo, malore giocando a tennis. Salvato col defi

Ieri pomeriggio al Tennis Club di via Dante era in corso un doppio quando un 63enne si è accasciato a terra. Rianimato, poi condotto in ospedale a Manerbio.

(red.) Nel primo pomeriggio di ieri, domenica 10 marzo, si sono vissuti momenti di apprensione al Tennis Club di via Dante a San Paolo, nella bassa bresciana. A quell’ora si stava disputando una partita in doppio contro una squadra di Sabbio Chiese quando uno dei partecipanti, un 63enne, si è accasciato in mezzo al campo. Il match è stato subito interrotto e un 27enne compagno di squadra dell’uomo si è avvicinato con il resto del team verificando che non rispondeva e non riusciva nemmeno a respirare.

Quindi qualcuno si è occupato di rianimarlo, mentre il giovane ha raggiunto il vicino bar del centro sportivo per recuperare il defibrillatore. Per fortuna lo sapeva usare grazie a qualche corso che aveva seguito, così lo ha applicato al 63enne e con una scossa è riuscito a farlo stare meglio. Nel frattempo erano stati allertati anche i soccorsi al 112 facendo giungere sul posto l’automedica, un’ambulanza da Dello e per sicurezza anche l’elicottero. Lo sfortunato atleta è stato poi caricato sul mezzo a quattro ruote e condotto in codice rosso all’ospedale di Manerbio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.