Piscina via Rodi, si attende ok dopo malori sabato

Stamattina l'Ats deciderà sulla completa riapertura dell'impianto. Nel fine settimana una trentina di atleti avevano segnalato un forte odore di cloro.

(red.) Nella giornata di oggi, lunedì 4 marzo, l’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia deciderà sulla riapertura completa della piscina comunale Lamarmora di via Rodi dopo quanto era successo sabato 2 di pomeriggio. Infatti, una trentina di atleti che si trovavano all’interno della struttura sportiva avevano accusato difficoltà respiratorie a causa di un forte odore di cloro nell’aria. Loro stessi avevano chiesto l’intervento dei soccorsi che sono giunti sul posto con un vasto schieramento di ambulanze. In ogni caso, a parte una ragazza adolescente che ha avuto più attenzioni per la sua forma di asma, tutti gli altri sono stati aiutati direttamente sul posto e nessuno ha avuto bisogno di essere condotto in ospedale.

Dalla società che gestisce l’impianto fanno sapere che potrebbe essersi trattato di un guasto all’impianto di aerazione. Per motivi di precauzione la vasca da 50 metri che aveva avuto i problemi è rimasta chiusa e resta tale fino a nuove disposizioni dell’Ats, mentre ieri avevano riaperto quella da 25 metri e per i bambini. I corsi di nuoto riprenderanno regolarmente e questa mattina arriverà il via libera per la riapertura completa della piscina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.