Lumezzane, sbanda dopo malore e muore

Pasquale Bresciani contro spartitraffico ieri pomeriggio dopo essere stato colto da un arresto cardiaco. In ospedale, non ce l'ha fatta. Domani funerale.

(red.) E’ stata una giornata drammatica quella di ieri, lunedì 25 febbraio, per alcuni incidenti stradali nel bresciano e che hanno provocato delle vittime. Il primo di questi in ordine di tempo è avvenuto nel pomeriggio intorno alle 14 in via San Filippo Neri a Lumezzane, in Valtrompia, dove un anziano ha perso la vita colpito da un malore mentre era alla guida della sua auto. Pare che fosse con la moglie a bordo della loro Punto grigia quando Pasquale Bresciani di 80 anni, questo il nome della vittima, ha accusato un attacco cardiaco. Stava provenendo dalla località di Piatucco verso quella di San Sebastiano ed è uscito di strada finendo contro lo spartitraffico centrale che è presente tra la clinica Maugeri e una farmacia della frazione.

Con il veicolo a cavallo dell’isola, seppur non avesse riportato danni, la moglie avrebbe visto il marito rivolto sul volante e che non dava segni. Rimasta sotto shock, con l’aiuto di qualche passante ha fatto allertare i soccorsi al 112, numero unico di emergenza, facendo giungere l’automedica, un’ambulanza della Croce Bianca di Lumezzane e anche la Polizia Locale per raccogliere tutti i rilievi del caso. L’80enne, rianimato sul posto dopo diversi tentativi, è stato condotto in codice rosso all’ospedale di Gardone Valtrompia, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Troppo gravi le condizioni di salute con le quali era stato trasferito al pronto soccorso.

Senza la necessità di ulteriori accertamenti, la salma dell’uomo è stata poi recuperata da un’agenzia funebre in attesa della veglia che sarà celebrata questa sera, martedì 26 febbraio, alle 19 nella sala del commiato di Benedini in via De Gasperi. Domani, mercoledì 27, alle 15,30 nella chiesa di Pieve ci sarà il funerale. L’uomo lascia la moglie e tre figli. Residente da sempre nella località al Dosso, era conosciuto come volontario per conto dell’oratorio di Pieve e faceva anche parte dell’associazione Amici di San Bernardo, a capo dell’omonima festa del colle, con tanto di coro in cui lo stesso Bresciani si esibiva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.