Ono, 43enne morto nella casa di Davide e Andrea

Venerdì mattina il ritrovamento senza vita di Francesco Squaratti. Doveva presentarsi in un'agenzia funebre. Stesso appartamento dell'incendio del 2013.

(red.) A distanza di sei anni da quei drammatici fatti, l’appartamento bilocale di Ono San Pietro in Valcamonica, nel bresciano, è tornato di nuovo sotto i riflettori. Si tratta dell’abitazione nella quale Pasquale Iacovone nel 2013 diede fuoco dopo aver addormentato i propri due figli Davide e Andrea e che morirono carbonizzati nell’incendio. Lo scorso venerdì 22 febbraio di mattina, all’interno di quelle stesse stanze rinnovate e restaurate, è stato trovato il corpo senza vita di un uomo. Si tratta di Francesco Squaratti, 43 anni e originario di Borno, che viveva all’interno di quel appartamento.

Il cadavere è stato rinvenuto dal titolare di un’agenzia di pompe funebri con cui Squaratti, impiegato come commesso in un’altra realtà, collaborava. Proprio il 43enne si sarebbe dovuto presentare in agenzia, ma visto che non è mai arrivato, il titolare ha raggiunto la sua abitazione trovandolo senza vita. Sul posto si sono mossi i vigili del fuoco con i carabinieri della compagnia di Breno e del Nucleo Investigativo e la Scientifica di Brescia.

Di certo c’è che Squaratti non usciva da ore da quell’abitazione e non presentava segni di violenza. Ma sarà l’autopsia a stabilire di cosa sia morto, per cause naturali o altro. Nel frattempo la procura di Brescia ha deciso di aprire un’inchiesta che ovviamente non c’entra nulla con quanto accadde nel 2013.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.