Verona, bresciano in arresto per furti in una scuola

Domenica notte il 30enne sorpreso dalla Polizia mentre entrava alla elementare del Borgo Roma Est. In manette per tentato furto aggravato, obbligo di firma.

Più informazioni su

(red.) La notte scorsa, tra domenica 17 e ieri, lunedì 18 febbraio, gli agenti della Volante della Polizia di Stato di Verona hanno arrestato un bresciano di 30 anni per tentato furto aggravato all’interno della scuola elementare dell’istituto comprensivo Borgo Roma Est. In realtà, non era la prima volta che accadevano episodi del genere e in effetti la scuola era stata presa di mira più volte negli ultimi mesi. Stavolta per il 30enne residente nella nostra provincia è andata male perché gli operatori lo hanno fermato. Le pattuglie di Polizia, dopo le numerose segnalazioni, di notte stavano controllando i dintorni dell’istituto in via Monterotondo quando si sono imbattuti in un individuo con il volto incappucciato e uno zaino sulle spalle all’interno del cortile.

Questo stava cercando di forzare qualche tapparella verso la mensa e di raggiungere i distributori automatici di merendine e caffé. Il 30enne è stato poi bloccato all’interno dei locali dai poliziotti che lo hanno perquisito trovandogli addosso un cacciavite, due torce e arnesi da scasso. Sul davanzale della finestra c’era anche una staffa usata per forzare l’ingresso. Colto in flagrante, è stato accompagnato in questura a Verona. Nel frattempo le indagini vanno avanti sulla base delle denunce per furto presentate negli ultimi mesi. E a questo punto si sta cercando di capire se l’uomo sia coinvolto negli altri episodi. Dopo il fermo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza e ieri mattina, lunedì 18, il giudice gli ha convalidato l’arresto e disposto per lui l’obbligo di firma in attesa dell’udienza del prossimo 3 luglio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.