Rovigo, coltivano marijuana: coniugi beccati a Brescia

Due cinesi sono stati beccati alla stazione ferroviaria prima di salire su un treno per Milano. Accusati di aver 5 mila piante di droga destinate a spaccio.

Più informazioni su

(red.) Venerdì scorso 15 febbraio la sezione Catturandi della Squadra Mobile di Rovigo ha arrestato, su mandato del tribunale di Modena, Lilan Ruan di 48 anni e il marito Xian Lin di 50, entrambi cinesi. L’uomo era ricercato da due anni in tutta Italia ed è finito in manette nell’ambito di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che era in realtà era stata emessa nei confronti della moglie e che secondo le indagini era a Rovigo. Ma l’attenzione, sfruttando il traffico telefonico, si è poi spostata a Brescia.

Qui, alla stazione ferroviaria, la donna avrebbe dovuto prendere un treno per Milano, invece, grazie al personale della Questura, si è verificato che anche l’uomo che era con lei era ricercato. Entrambi sono finiti in carcere, l’una a Verziano e l’altro al Nerio Fischione. L’accusa nei loro confronti è di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare marijuana, pari a 5 mila piantine. Devono scontare 2 anni, un mese e 27 giorni di reclusione e l’uomo ha anche una condanna definitiva di 1 anno, 7 mesi e 17 giorni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.