Quantcast

Carambola via Branze, al Civile autista con infarto

Il 64enne stava andando al funerale di Luigi Odolini quando è stato colpito da malore. Nello schianto travolti due pedoni e colpito un altro conducente.

Più informazioni su

(red.) Si trova ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Civile di Brescia l’uomo di 64 anni che ieri mattina, giovedì 14 febbraio, ha provocato la paurosa carambola in via Branze a Brescia, nella parte nord della città. E lui il ferito più grave di quanto accaduto ieri intorno alle 8,30 nella zona di Mompiano e a due passi dalla facoltà di Ingegneria. Come hanno ricostruito gli agenti della Polizia Locale attraverso le testimonianze e anche le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza sul posto, l’uomo alla guida di una Bmw X1 stava percorrendo la strada tra via Branze e viale Europa. Residente a Scarperia, in provincia di Firenze, è un cognato di Luigi Odolini e si stava recando proprio al funerale del cofondatore del gruppo Italmark.

A un certo punto è stato colto da un infarto che lo ha fatto accasciare al volante e la vettura impazzita, seppur a bassa velocità, ha travolto una pensilina della fermata degli autobus, poi contro la pista ciclabile e infine è entrato alla rotonda dell’incrocio con via Europa colpendo una Peugeot. Il bilancio drammatico è stato di due pedoni feriti, di cui una 25enne di Lumezzane e un 55enne di Tortona travolti dal veicolo, oltre al 22enne veronese che guidava il mezzo che si è poi ribaltato.

A parte il 64enne finito al Civile, sono stati tutti condotti tra la clinica Sant’Anna e la Poliambulanza di Brescia. Subito dopo lo scontro, il traffico sulla zona è andato in tilt considerando anche l’ora di punta tra chi doveva raggiungere l’università per le lezioni e il vicino ospedale. E le immagini della carambola all’altezza del sovrappasso che collega i due presidi accademici di Ingegneria si è presentata in tutta la sua drammaticità. Vigili del fuoco e ambulanze sono intervenuti subito per i soccorsi e mettere in sicurezza la via dai mezzi incidentati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.