Pisogne, ex Ols è diventata una discarica abusiva

Nel piazzale della fabbrica chiusa da vent'anni si segnalano scarti, anche pericolosi, tra vernici ed elettrodomestici. Continui allarmi dai residenti.

Più informazioni su

(red.) Da giorni i cittadini che abitano tra Pisogne e Costa Volpino, tra la Valcamonica bresciana e quella bergamasca, segnalano una vera e propria discarica abusiva che si è formata da tempo nella ex Ols, l’azienda che produceva acciaio, ma chiusa da vent’anni. E’ da un anno che i residenti, come scrive Bresciaoggi, lamentano una situazione generale di degrado, tanto da peggiorare. Infatti, sul posto tra i vari rifiuti sono comparsi anche contenitori di sostanze chimiche. Sembra che sul posto ogni giorno si presentino diversi furbetti, anche a bordo di furgoni, per scaricare di tutto all’interno.

Da un anno c’è persino un’auto abbandonata, ma anche frigoriferi, cisterne, recipienti di vernice, resti di materiali edili e sacchi della spazzatura. Ma si trovano anche porte di capannoni, gomme di auto e camion, bottiglie di vetro e lattine di birra, televisioni, altri elettrodomestici, scarti tessili e altri materiali. Il problema è dovuto anche al fatto che l’ingresso al sito dalla strada è libero e quindi chiunque può entrare. Ad occuparsi della zona è un curatore fallimentare e il fatto che l’area sia privata induce le amministrazioni pubbliche a non poter intervenire. In realtà alcuni anni fa i Comuni di Pisogne e Costa Volpino avevano fatto pulire la zona, ma poi il degrado si è ripresentato e ora c’è chi chiede almeno di chiudere l’accesso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.