Quinzano, collezionista ruba ceri dal cimitero

Un pensionato è stato beccato in flagrante al campo santo. In casa aveva decine di candele che aveva depredato per accrescere la sua particolare passione.

Più informazioni su

(red.) E’ una mania molto particolare quella che ha contagiato un pensionato residente a Quinzano, nel bresciano, ma l’abitudine lo ha spinto anche a finire nella pratica illegale. In effetti, come scrive il Giornale di Brescia, numerosi visitatori del cimitero del paese avevano segnalato alla Polizia Locale il misterioso furto di diversi ceri e di varie candele dalle tombe. Non si capiva il motivo di questa scomparsa e si pensava a un possibile rito.

Ma i vigili urbani che hanno indagato dopo aver raccolto le varie denunce hanno accertato chi era il responsabile di tutto questo. Era proprio il pensionato che, appassionato collezionista, era arrivato persino a depredare il campo santo dei ceri votivi. Colto in flagrante, nella sua abitazione ne sono stati trovati a decine. Per lui non è arrivata alcuna denuncia, ma l’indicazione a seguire un percorso per “guarire” da quel disagio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.