Marcheno, rogo in palazzina: 5 famiglie fuori casa

Sabato notte un inquilino è stato svegliato dalle fiamme divampate nel soggiorno. Ha poi allertato gli altri inquilini di via Indipendenza. Un intossicato.

(red.) Quella tra sabato 5 e ieri, domenica 6 gennaio, è stata una notte di paura per i residenti in una palazzina di via Indipendenza a Marcheno, nel bresciano. E’ successo tutto tra le 3 e le 4 quando è divampato un incendio all’interno del soggiorno di uno degli appartamenti che si trovano al secondo piano dell’edificio, proprio sopra la filiale della Banca Unicredit. Non è chiaro se le fiamme si siano scatenate a causa di un tablet collegato a una presa di corrente oppure per una stufa a pellet malfunzionante, in ogni caso il primo a lanciare l’allarme è stato proprio il residente del locale da dove era partito il rogo.

Ha cercato inutilmente di spegnerlo usando dell’acqua dal bagno, poi ha avvertito anche gli altri inquilini e chiesto l’intervento dei soccorsi e dei vigili del fuoco. Il fuoco e il fumo tra il soggiorno e la cucina erano visibili anche dalla strada provinciale, mentre gli altri residenti della struttura sono riusciti a scappare mettendosi in salvo. L’unico, un senegalese che abita in una mansarda all’ultimo piano ed è stato svegliato dalle urla, è rimasto leggermente intossicato ed è stato soccorso con un’autoscala.

L’incendio ha poi intaccato anche gli spazi comuni, mentre sul posto sono arrivati i vigili del fuoco da Gardone Valtrompia e Lumezzane. Per l’africano è stato poi necessario il trasferimento con un’ambulanza verso l’ospedale di Gardone, ma non è grave. Una famiglia è poi potuta rientrare, mentre pare che altre cinque, tutte residenti al secondo piano, siano sfollate perché i loro appartamenti al momento sono stati ritenuti inagibili. Hanno comunque trovato delle sistemazioni in casa di amici e parenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.