Quantcast

Passirano, auto investe una donna e poi scappa

Ieri alle 15 una vettura ha travolto 52enne in via Castello, ma non si è fermata per i soccorsi. Ferita portata in volo al Civile. Pirata rischia arresto.

(red.) Nel bresciano si torna a parlare di investimenti stradali dopo che anche ieri, giovedì 27 dicembre, sono avvenuti due episodi. Uno di questi è accaduto in via Castello a Passirano, in Franciacorta, dove una donna di 52 anni residente a Bornato è stata travolta da una vettura grigia che però non si è fermata per prestarle soccorso. L’impatto è avvenuto intorno alle 15 nel momento in cui il pedone stava percorrendo la strada in direzione di Bornato e lungo una cinta muraria. L’auto che si muoveva nel suo stesso senso l’ha colpita, poi ha ingranato di nuovo la marcia ed è fuggita. Ma a peggiorare le cose anche il fatto che un’altra vettura che seguiva di pochi metri non si è bloccata.

E’ stato, invece, un altro automobilista di passaggio nella direzione opposta a fermarsi dopo aver assistito all’incidente dallo specchietto retrovisore. Il testimone ha quindi avvicinato la ferita, sempre rimasta cosciente, poi ha chiamato i soccorsi al 112. Sul posto sono arrivate due ambulanze da Bornato e Ospitaletto insieme alla Polizia Stradale di Montichiari per condurre i rilievi, la Polizia Locale e l’elicottero. La donna aveva riportato sospette fratture a una caviglia e al bacino e anche un trauma cranico, quindi è stato trasportata in volo all’ospedale Civile di Brescia in codice giallo, non in pericolo di vita. A questo punto le forze dell’ordine stanno cercando il pirata della strada che, se non si costituirà entro le 15 odierne, venerdì 28, rischia l’arresto per omissione di soccorso. Gli agenti sperano di trovare elementi utili attraverso la testimonianza della vittima e le immagini riprese dalle telecamere di Cazzago San Martino all’ingresso di Bornato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.