Pontevico, maxi furto di computer dopo un blitz

Domenica notte i malviventi in azione in una fabbrica usando un furgone come ariete. Via 30 mila euro di pc. Altri colpi, sfumati, a Mairano e Pompiano.

(red.) Il territorio della bassa bresciana è sempre più nel mirino delle bande dei ladri. Uno degli ultimi colpi degni di nota e di cui dà notizia il Giornale di Brescia si è verificato nella notte tra domenica 16 e ieri, lunedì 17 dicembre, in un’azienda a Pontevico. E’ accaduto in via Fornace quando un gruppo criminale è entrato in azione raggiungendo a bordo di un furgone, probabilmente rubato poco prima, la Form Srl di via Fornace. Sembra che la banda abbia studiato bene il colpo, partendo dai movimenti intorno alla fabbrica e anche nelle vicinanze per non essere beccata. Hanno usato il van come ariete per sfondare il cancello d’ingresso poi, indossando maschere per non farsi riprendere dalle telecamere e anche guanti, hanno compiuto un blitz negli uffici portando via diversi computer per un valore di circa 30 mila euro.

Durante quell’azione altri complici erano rimasti fuori a fare da palo per segnalare eventuali movimenti, anche delle forze dell’ordine. Terminato il raid, durato pochi minuti, la banda è risalita sul furgone e si è data alla fuga facendo perdere le tracce. Al titolare della fabbrica, svegliato dall’allarme, non è rimasto altro da fare che segnalare l’episodio ai carabinieri che hanno raggiunto il posto, ma ormai a blitz commesso. In ogni caso, si spera di trovare elementi utili attraverso le telecamere dell’azienda e quelle delle altre imprese vicine. E nel frattempo anche domenica 16 altri ladri sono entrati in azione a Pompiano e Mairano. Nel primo caso era finita nel mirino la casa di una donna che era appena rientrata con il proprio figlioletto e nel secondo a Pievedizio. Ma entrambi sventati dai carabinieri che in quello stesso giorno avevano anche cercato, per un altro motivo, di inseguire una RS3.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.