Quantcast

Uccelli protetti a tavola, ristorante chiude un mese

Da venerdì "Il Bivio" ha abbassato le saracinesche per trenta giorni. Un blitz dei forestali di Vobarno aveva fatto scoprire le specie vietate in cucina.

Più informazioni su

(red.) Niente spiedo nel periodo natalizio alla trattoria “Il Bivio” di Odolo, nel bresciano. Nella giornata di venerdì 14 dicembre, infatti, è stato notificato al titolare un provvedimento emesso dalla questura per sospendere la licenza del locale per 30 giorni. L’atto segue un blitz che nei giorni precedenti aveva portato i carabinieri forestali di Vobarno a raggiungere l’attività commerciale per un’ispezione.

Ed erano stati scoperti in cucina diversi esemplari di uccelli protetti e di altri animali allevabili pronti per essere cotti e serviti sui tavoli ai clienti. Pratica che è vietata dalla legge. Di conseguenza, il ristorante dovrà restare chiuso per un mese dopo la decisione e la notifica della divisione Pasi della questura.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.