Droga e un coltello tra i detenuti di Canton Mombello

Ieri l'intervento da parte degli agenti di Polizia penitenziaria nell'istituto di pena. Plauso da parte del segretario nazionale del sindacato Fellone.

(red.) Nella giornata di ieri, venerdì 23 novembre, gli agenti di Polizia penitenziaria operativi al carcere di Canton Mombello a Brescia hanno effettuato dei controlli all’interno delle celle dei detenuti per verificare l’eventuale presenza di materiali o oggetti non compatibili con il trascorrere il periodo di pena. E sono stati raggiunti dei risultati nel momento in cui le forze dell’ordine hanno trovato delle sostanze stupefacenti e anche un coltello rudimentale con una lama tale da poter far male. Tutto il materiale è stato sequestrato ai detenuti.

L’intervento ha ricevuto il plauso del segretario nazionale del Sinappe, il sindacato della polizia penitenziaria, Antonio Fellone. “Sono azioni che donano lustro all’arduo e silenzioso lavoro svolto negli istituti di pena nonostante le precarietà strutturali e di risorse che purtroppo affliggono le condizioni lavorative – si legge in una nota – ma la Polizia penitenziaria non perde occasione affinché si arginino episodi che possano arrecare nocumento in ragioni di ordine e sicurezza, a tutela delle istituzioni che con vanto rappresentano sul piano nazionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.