Brescia, 200 mila euro nascosti in auto: un arrestato

Marocchino fermato dai carabinieri su una Mazda in via Oberdan. Vettura controllata dai meccanici che hanno scoperto una botola con il contenuto in denaro.

(red.) Nei giorni precedenti a mercoledì 21 novembre i carabinieri del comando provinciale di piazza Tebaldo Brusato a Brescia sono stati impegnati in un particolare intervento che ha portato a delle conseguenze. E’ accaduto in via Oberdan, all’innesto della tangenziale Ovest verso il centro della città, quando i militari stavano attuando i consueti posti di blocco per controllare la circolazione e hanno fermato, tra le altre vetture, una Mazda. A insospettire subito le forze dell’ordine il fatto che alla guida ci fosse un marocchino già noto per i suoi precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, anche se si trovava a bordo di una vettura diversa rispetto al solito. Così lo hanno fatto scendere e perquisito, trovandogli addosso 5 mila euro in contanti. Una cifra ritenuta spropositata quella scoperta in caserma, ma non era finita lì.

Infatti, i militari sono stati incuriositi dall’auto per capire se contenesse qualcosa di particolare. E per accertarlo hanno fatto portare il veicolo in una nota concessionaria cittadina dove i meccanici sono stati subito attirati da alcuni cavi che di solito quel tipo di auto non aveva. Si è scoperto che dietro l’airbag del passeggero si trovava una botola, una sorta di doppio fondo, che conteneva altri 200 mila euro, sempre in contanti. Quando il nordafricano ha visto che i tecnici stavano controllando proprio la parte sospetta, aveva cercato di divincolarsi spingendo i militari per darsi alla fuga a piedi. Ma è stato bloccato e arrestato, anche per resistenza a pubblico ufficiale. A questo punto i carabinieri con la procura di Brescia stanno indagando per capire se quell’immensa quantità di denaro fosse frutto di una maxi vendita di droga oppure servisse per acquistarne dell’altra.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.