Corteno Golgi, anziano colpito da proiettile vagante

Ieri l'episodio mentre il 71enne era alla guida della sua auto con la moglie. I carabinieri stanno indagando. Forse opera di qualche cacciatore a distanza.

(red.) Dal pomeriggio di ieri, domenica 11 novembre, i carabinieri di Edolo e quelli della compagnia di Breno stanno indagando su un episodio inquietante avvenuto intorno alle 15,30 a Corteno Golgi, nel bresciano. Un uomo di 71 anni, affiancato dalla convivente passeggera, stava percorrendo via Antonio Schivardi quando inizialmente pare che abbia accusato un malore. Ma poi si è scoperto che si trattava di tutt’altro. L’anziano, infatti, aveva avvertito un dolore alla schiena e quando si è visto la ferita sanguinare si è subito fermato. Pare che il 71enne sia stato colpito da un proiettile esploso da una notevole distanza, forse di un chilometro, che ha attraversato la carrozzeria, bucato il sedile dell’autista e trafitto l’anziano.

Del proiettile vagante è emerso dopo l’allerta ai soccorsi da parte della moglie che ha fatto muovere sul posto l’automedica, un’ambulanza da Edolo e anche l’elicottero. L’uomo è stato caricato sul velivolo e trasportato in codice rosso all’ospedale Civile di Brescia dove la sua situazione è stata stabilizzata. Ora i militari stanno cercando di capire se il proiettile sia stato esploso da qualche cacciatore durante una battuta venatoria e forse usando una carabina. Il fatto che il 71enne non abbia sentito subito il colpo fa pensare proprio a un proiettile esploso da centinaia di metri di distanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.