Appalti irregolari, arrestato il sindaco di Paspardo

Fabio Depero ai domiciliari per il modo con cui, con la giunta, indagata, avrebbe gestito l'assegnazione dei lavori pubblici. Valcamonica ancora scioccata.

Più informazioni su

(red.) E’ un vero e proprio “terremoto” quello che ha colpito questa mattina, giovedì 8 novembre, il Comune bresciano di Paspardo, in Valcamonica. All’alba, infatti, i carabinieri hanno arrestato il sindaco Fabio Depedro con l’accusa di turbativa d’asta nell’ambito di un’indagine che vede indagata l’intera sua giunta eletta solo nel 2017.

Nel mirino della procura di Brescia – scrive l’Ansa – è finita la gestione degli appalti per opere pubbliche. Per lui sono stati concessi i domiciliari. Si tratta di un nuovo caso dopo che la valle era già stata scossa dall’arresto del sindaco di Malonno Stefano Gelmi e con il coinvolgimento, in altre indagini, anche di altri paesi camuni. Tutti per il modo in cui si assegnavano gli appalti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.