Incidente Milzano, autista muore dopo due giorni

Gianni Tosini, 84 anni, è deceduto ieri a Cremona dove era stato ricoverato lunedì per il violento impatto frontale sulla sp 64. La moglie resta grave.

Più informazioni su

(red.) E’ morto a due giorni di distanza l’uomo che lunedì sera 1 ottobre era rimasto coinvolto in un tremendo incidente stradale sulla provinciale 64 a Milzano, nel bresciano. La vittima si chiamava Gianni Tosini, di 84 anni e residente a Pontevico, che quel giorno stava guidando la propria auto Lancia Musa con al fianco la moglie. Nel momento di una svolta a sinistra lungo la carreggiata, aveva avuto un violentissimo impatto frontale con una Polo che arrivava dal senso opposto e condotta da un 23enne di Gottolengo rimasto ferito.

Poi nello scontro era piombata anche una Golf con a bordo una coppia e senza riportare particolari conseguenze. Il quadro peggiore sembrava fosse quello della moglie dell’84enne, tanto da essere soccorsa in elicottero e portata all’ospedale Civile di Brescia dove si trova ancora in prognosi riservata. Invece, il compagno era stato trasferito in ambulanza in Rianimazione a Cremona dove le sue condizioni sono peggiorate fino al decesso di ieri, mercoledì 3 ottobre. Tosini, ex dipendente di Asm e A2A in pensione, era conosciuto nella Bassa bresciana per essere militante del Partito comunista italiano prima come consigliere di maggioranza e poi attraverso il patronato Spi Cgil. Il funerale deve essere ancora fissato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.