Ricerche Iuschra, si andrà avanti fino a mercoledì

Anche ieri tutti gli operatori si sono mossi per controllare 100 ettari di boschi tra Serle e Botticino. Sospesa la caccia. Oggi c'è anche incognita meteo.

(red.) Anche quella di ieri, domenica 30 settembre, è stata un’altra giornata di ricerche da parte delle forze in campo per trovare la 12enne Iuschra Gazi sparita dall’altopiano di Cariadeghe a Serle, nel bresciano, dal 19 luglio. Sono stati ispezionati altri 100 ettari di boschi tra Castello di Serle e San Carlo di Botticino dove sono presenti diversi canaloni, cave abbandonate e torrenti. Protezione civile, il soccorso alpino, i vigili del fuoco e numerosi volontari sono all’opera anche con l’aiuto di alcuni droni.

E in questo panorama c’è da sottolineare come tutti, droni compresi, siano stati coinvolti dai pallini esplosi dai cacciatori. Per questo motivo, il Comune ha stabilito un momentaneo ordine di divieto di svolgere l’attività venatoria a Serle. Poi riattivato in serata dopo che le ricerche sono proseguite verso Botticino. Ma a pesare sull’attività di ricerca ci sono le previsioni meteo che annunciano per oggi, lunedì 1 ottobre, piogge e temperature basse. E si andrà avanti fino a mercoledì 3 ottobre per riuscire a trovare tracce della ragazzina.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.