Desenzano, si finge poliziotto per entrare in disco

35enne albanese e ubriaco ha preteso di accedere con altri due amici senza passare dalla coda. Aveva un tesserino, ma di una presunta agenzia investigativa.

(red.) Il perfetto campionario dell’illegalità tutto in una sola persona. Nei giorni precedenti a venerdì 7 settembre una discoteca di Desenzano del Garda, nel bresciano, è finita sotto le attenzioni dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia locale dopo la richiesta da parte del personale. Infatti, c’erano tre persone che davano fastidio alla quiete pubblica. Tra loro, anche un 35enne albanese residente nella città gardesana, ubriaco, che ha detto di essere un poliziotto e pretendeva di entrare nel locale, con altri due amici, saltando la coda.

Per identificarsi ha persino estratto un tesserino di riconoscimento che con la Polizia non c’entrava nulla, visto che riportava le indicazioni di una presunta agenzia di investigazione. L’uomo è stato quindi portato in caserma dove ha incassato una denuncia per sostituzione di persona e detenzione di oggetti per simulare l’appartenenza alla Polizia. E non è tutto, perché ha ricevuto sanzioni per il fatto di essere ubriaco e di aver parcheggiato la propria auto nei posti riservati ai disabili. Mentre il finto tesserino gli è stato sequestrato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.