Verolanuova, mano nella pressa. Operaia soccorsa

Una 51enne del paese è rimasta bloccata con un arto nel macchinario mentre lavorava. E' stata portata al San Gerardo di Monza per essere subito operata.

(red.) E’ stata condotta al centro medico specializzato San Gerardo di Monza la donna di 51 anni che martedì 4 settembre era rimasta vittima di un infortunio sul lavoro a Verolanuova, nel bresciano. In via San Donino, intorno alle 11, l’operaia residente in paese stava lavorando nell’azienda che si occupa di paste abrasive e di dischi per le rifiniture industriali. Operando a una pressa, una mano le è rimasta bloccata nel macchinario e le sue urla di dolore hanno attirato l’attenzione degli altri colleghi.

Subito sono stati attivati i soccorsi con l’arrivo delle ambulanze e dell’elicottero proveniente da Brescia, mentre i carabinieri della compagnia locale e i tecnici dell’Agenzia di Tutela della Salute si sono occupati di capire cosa non avesse funzionato. La donna, con il rischio di vedersi amputato l’arto ferito, è stata condotta in codice rosso all’ospedale brianzolo dove è stata sottoposta a un intervento chirurgico per cercare di salvare la parte del corpo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.