Manuela Bailo, Pasini si difende: “Non l‘ho uccisa“

L'amante assassino dal carcere lunedì ha avuto un colloquio con il proprio avvocato e non ha cambiato versione. Per lui si valuta la perizia psichiatrica.

(red.) Quella di lunedì 3 settembre è stata una giornata interessante dal punto di vista delle indagini per il delitto di Manuela Bailo, la 35enne di Nave che il 20 agosto è stata trovata priva di vita in una vasca di liquami ad Azzanello, in provincia di Cremona. Per la sua morte è attualmente in carcere a Canton Mombello l’amante e collega della Uil Fabrizio Pasini che proprio lunedì, dopo diversi giorni di silenzio, ha avuto un colloquio con il suo avvocato. Ha continuato a smentire di aver ucciso con una coltellata alla gola la donna e detto invece di averla spinta dalle scale della casa dei propri genitori in via Allende a Ospitaletto, nel bresciano. “Ma non volevo ucciderla” ha ancora detto Pasini.

Tuttavia, la sua versione dei fatti viene smentita dagli inquirenti e dal sostituto procuratore Francesco Milanesi visto che sulle scale segnalate dall’uomo non è stata trovata alcuna traccia di sangue della 35enne che invece presentava un taglio alla carotide. A questo si aggiunge il fatto che sull’auto usata dall’uomo per caricare e sbarazzarsi del corpo la notte tra il 28 e il 29 luglio e prima di partire per le vacanze con la moglie e i due figli, sarebbe stato trovato solo un coltello e non due come diceva Pasini di avere. Tra l’altro, si tratta della lama non compatibile con quella del delitto.

Quindi, gli investigatori stanno ancora cercando l’arma dell’omicidio e l’oggetto contundente con cui è stata provocata una frattura visibile sulla testa della vittima. In questo scenario, i familiari hanno deciso di interrompere ogni rapporto con lui, mentre il suo legale parla di un possibile momento di trance che ora non gli farebbe ricordare quanto ha commesso. E nei giorni e nelle settimane successive potrebbe chiedere la perizia psichiatrica per capire lo stato di salute dell’uomo al momento del delitto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.