Quantcast

Calcinato, dall‘alto scoperte piante di “maria“ tra mais

Trovate dai carabinieri con un volo di perlustrazione su un elicottero. Le piantagioni erano mimetizzate tra le coltivazioni. Arrestato un agricoltore.

Più informazioni su

(red.) A Calcinato, nel bresciano, come in Colombia. Si parla di piantagioni di marijuana che i carabinieri della stazione locale hanno scoperto impiegando un elicottero. E così si è verificato che le piante cariche di sostanze stupefacenti erano nascoste tra le distese coltivazioni di mais. Le indagini erano partite dagli stessi carabinieri che da terra avevano notato un terreno ritenuto sospetto. Quindi, hanno attivato i colleghi che dall’alto hanno verificato la segnalazione.

C’erano piante di canapa mature ovunque e portando i militari a fare irruzione scoprendo e ponendo sotto sequestro le 150 piante di marijuana. Mentre il titolare del terreno, un agricoltore 32enne, è stato arrestato e mercoledì 8 agosto si è visto convalidare il fermo ai domiciliari in attesa del processo. Tuttavia, all’interno non sono state trovate attrezzature per estrarre la droga, quindi la sensazione è che il titolare avesse solo concesso in affitto il terreno e non fosse sua la piantagione. Un altro rinvenimento così importante di coltivazioni da spaccio era avvenuto alla fine di giugno a Remedello dove c’erano 700 piante di papavero e altre di canapa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.